• Archivio

Tutta un’altra storia Romeo e Giulietta ai tempi digitali

Verona, secoli fa. Romeo e Giulietta si innamorano. Rampolli di famiglie nemiche, non hanno strumenti per opporsi a un mondo che li opprime e la storia finisce male. Ma se i due si incontrassero oggi, nell'era digitale? Con Facebook, video on line e mille modalità di far sentire la propria voce, istantaneamente ovunque, sarebbe diverso. Riscriviamo insieme la storia d'amore più famosa del mondo.


Vai al workshop

Creative Thinking Workshop

Come si impara l'arte della creatività? Come si può allenare e sviluppare l'immaginazione per trovare soluzioni creative nel mondo del business? Questo seminario sul pensiero creativo è rivolto agli studenti che vogliono diventare direttori creativi, art director o design director. Il focus è su come creare o cercare un idea creativa attraverso l'uso di una serie di associazioni mentali, utilizzando un mix di ragione e logica, per creare qualsiasi cosa in qualsiasi settore. Ogni studente potrà scegliere un’area nella quale cimentarsi: grafica, design, moda, cibo, ecc., e attraverso il nuovo metodo creativo "Dreamland" riuscirà a produrre un idea originale che potrà concretizzare visivamente attraverso vari strumenti come: illustrazioni, rendering 3D o mockup a seconda dell'area scelta all'inizio del seminario. Quindi un seminario rivolto a tutti coloro che vogliono sviluppare la capacità di "creare" insita in tutti noi ed esprimibile con facilità attraverso il metodo creativo "Dreamland" che consentirà di aprire la mente verso nuove e sorprendenti possibilità.


Vai al workshop

Surviving the “No-Budget Era”

Il workshop sarà organizzato in tre parti. Nella prima fase si deciderà un proprio tema da sviluppare, nella seconda fase, gli studenti dovranno ideare un artwork/installazione avendo come unico limite quello di utilizzare materiali di scarto e tecniche manuali per la costruzione del set. Nella terza fase gli studenti saranno guidati dal docente nella riproduzione fotografica dei diversi progetti.


Vai al workshop

Re-design Soundscape

Listen around you. Can you hear any uncomfortable or unpleasant sound? For example: a Car horn. It has definitely the function of warning people. NOW, can we think of how to recreate sound without any uncomfortable feeling?


Vai al workshop

From Animation to Projection

From Animation to Projection è un workshop che parte dal cinema d’animazione per approdare all’esperienza creativa dell’opera tridimensionale in Projection Mapping. Concepito come punto d’incontro tra video, illustrazione, grafica, fotografia e sound design, il workshop include la progettazione di un supporto a tre dimensioni funzionale alla proiezione dei film di animazione prodotti dagli allievi.


Vai al workshop

e-Textiles

Il workshop è hands-on, indirizzato a chi ha voglia di fare esperimenti e imparare le basi di elettronica, arduino ed e-textiles. Gli studenti saranno divisi in gruppi e ad ogni gruppo sarà dato un kit base con un arduino, tessuto e materiali per lavorarci.


Vai al workshop

Come suona la pubblicità: il Sound dell’advertising

La pubblicità sonora, nata con la radio, diventa un genere a sé con la televisione., medium perfetto per sincronizzare immagini, suoni e desideri. Ascesa e declino dei jingles. Più insidioso e penetrante il “sound” dell’advertising che, a traino del cinema, dei video clip e delle arti visive in generale, si è modificato nel tempo, diventando sempre più elemento di empatia e identicità di marca. Come si lavora con le immagini e il suono. Come suona la pubblicità nei nuovi media.


Vai al workshop

Aggravity. 5 minuti 5 giorni

Da un concept narrativo prefissato (Aggravity), il workshop mette a fuoco le caratteristiche seriali (webserie) del progetto e quelle specifiche di un ipotetico episodio pilota attraverso: sceneggiatura, visual, preparazione.


Vai al workshop

Mobile Relational Devices

Mobile Relational Devices mira a promuovere e sperimentare nuovi modelli di gestione dello spazio pubblico urbano. Tramite l'utilizzo di materiale di riciclo verranno progettati e realizzati dispositivi relazionali mobili che favoriscano modalità inedite di interazione tra i cittadini. L’autocostruzione diverrà inoltre momento di confronto immediato con le proprie scelte progettuali.


Vai al workshop

L’appuntamento

Una settimana intensiva per mettere in scena L'Appuntamento. Analisi di tutte le fasi creative e sinestetiche che vedono nel regista il manager dello spettacolo: dal testo alla sceneggiatura, dalla regia degli attori alla recitazione guidata, dalla scenografia al costume. Analisi del lavoro e suddivisione dei compiti. Messa in scena di uno show trailer.


Vai al workshop

ROMAnzo

Il progetto prevede il coinvolgimento degli studenti in un esperimento narrativo davvero stimolante: costruire un documentario di creazione e insieme dare vita alla scrittura di una storia collettiva in cui la città di Roma sarà protagonista. Attraverseremo la città filmando luoghi e persone, a cui chiederemo di partecipare alla stesura di un ROMAnzo collettivo.


Vai al workshop

Web Doc

Come possiamo raccontare una storia in un modo diverso sfruttando la tecnologia che c’è e con la consapevolezza che è arrivato il tempo di farlo? Con un prodotto multimediale interattivo risultato dal mash up di diverse tecnologie e linguaggi narrativi. Il web doc è questo. Saranno affrontati gli aspetti progettuali e tecnici necessari a costruire un web doc e le teorie di questo nuovo linguaggio.


Vai al workshop

User Experience: la progettazione a misura di utente come strategia di branding

Cimentarsi con le varie fasi di progettazione di un prodotto impiegando gli strumenti e i metodi dello User Experience Design: ricerca con gli utenti, modelli mentali, prototipazione, test di usabilità. Lo scopo del lavoro, di taglio pratico, è di arricchire il bagaglio progettuale dei ragazzi, scoprendo e praticando un innovativo metodo di comunicazione d'impresa.


Vai al workshop

Creazione Di Una Fiction

“Gli studenti, come da brief iniziale, hanno sviluppato, sulla base di tre diverse sceneggiature, tre fiction televisive risultate, alla fine del workshop, complete e fattibili. I ragazzi che hanno liberamente...


Vai al workshop

Creatività Verbale

Creare nuove forme verbali, confrontare e indagare le nuove parole coi rispettivi concetti. Quaranta neologismi, forgiati con immaginazione e creatività, per celebrare i 40 anni della fondazione dello IED. Nuove parole per i dialoghi futuri.


Vai al workshop

Unraveling fashion, a knitting experience

“I believe that sustainability has first of all to do with a mentality as a designer to deliver the best quality and to give my designs full attention in order...


Vai al workshop

The Image Making

Progettare 18/20 pagine da inserire in un magazine di Moda e Sport "Spassion" occupandosi dei vari aspetti: illustrazioni, foto, design, scrittura e fashion style; e nella realizzazione di video e shooting fotografici. Il tema dell’inserto è la boxe ispirata dalla visione del Rocco e i suoi Fratelli diretto da Luchino Visconti nel 1960 e dalla location, Roma.


Vai al workshop

Despite Globalization No-Global No-Mads

Osservare i cambiamenti sociali, i mutamenti negli usi e costumi, recuperare il valore artigianale contrapposto alla globalizzazione che ha conformato l’immagine e reso seriale la produzione. In concomitanza ai cambiamenti sociali si nota lo sviluppo di nuove forme di pensiero, stile e rapporti tra le persone. L'utile spesso diventa inutile. L'osservazione e l'analisi di questi mutamenti diventa uno strumento utile a comprenderli e, successivamente, a descriverli attraverso un racconto visivo che si può esprimere attraverso varie forme di linguaggio: fotografia, styling, sketches, video. Despite of globalization, visual diary (sketches, snapshots, inspirations, visions), pratiche di styling, fotografia.


Vai al workshop

Concerto

Il punto di partenza è una scatola olografica in cui il sistema di riflessione funziona tramite l’ausilio di uno o più vetri, raccordati con una fonte di luce per dar vita, alla fine del processo, ad un oggetto autonomo, completo di una parte sonora, una video ed una compositiva reale. Il risultato di questo processo non è prevedibile. Il tentativo? Realizzare un concerto multimediale in cui tutti gli elementi entreranno in relazione tra loro senza predominare l’uno sull’altro. L’esperimento prevede varie fasi di sviluppo: 1. Presentazione; 2. Analisi del tema; 3. Sviluppo ideativo e progettuale; 4. Raccolta dei materiali (campionamenti audio, riprese video, fotografie, ricerche in rete, materiali di archivio, individuazione dell’oggetto reale); 5. Prime prove tecniche di fattibilità dei materiali; 6. Analisi dell’aspetto compositivo; 7. Relazione tra gli elementi multimediali; 8. Definizione progetto; 9. Esposizione e presentazione lavoro.


Vai al workshop

All Mashed Up: From Punk To The Cloud

Il punk non era solo uno style look, una musica o un modo di vedere il mondo. Si può sostenere che fosse la prima vera espressione popolare del post-modernismo. I punk crearono un’autonoma influenza bizzarra ed eclettica, mescolarono e mixarono queste influenze nel modo più bizzaro. Si consideri ad esempio una donna punk che si sarebbe potuta incontrare su King’s Road a fine ‘70: look molto mascolino, Doc Martins da lavoratore, reti da pesca sciatte, lacerate e ultra short in PVC, classica camicia bianca, cravatta e blazer come si portavano nelle scuole britanniche, capelli spettinati effetto extraterrestre, trucco forte e una catena da collare per cani al collo. Così mixavano gli stili e le influenze più improbabili, il punk difendeva ed abbracciava il motto “learn three chords and start a band”, ovvero decostruisci prima qualcosa e poi lo rimetti insieme come vuoi.


Vai al workshop

Collage Arts – Il Collage Nella Comunicazione Visiva

Max Ernst diceva "Non è la colla che fa il collage" . Il collage, infatti, non è una mera tecnica, ma un approccio creativo alla visualità e, in senso più ampio, alla realtà stessa. Un atto semplice che può scatenare una vera e propria esplosione visiva e di significati. Sovversivo, per definizione. Il corso è incentrato da un lato sull'analisi storico e concettuale del medium creativo, dall'altro su un'attività laboratoriale pratica con le tecniche e la metodologia del collage.


Vai al workshop

La Creazione Del Personaggio Nell’era Multimediale

Attraversare l'industria dell'intrattenimento e della comunicazione partendo dai suoi primi beniamini: i personaggi. Sviluppare un personaggio originale usando gli standard dell'industria e dei media. Dalla ricerca sull'identità, all'uso del trucco, dall'invenzione del costume, alla scelta del linguaggio (cinema, games, animazione, etc) e alla creazione dei props, dal character design, agli effetti speciali.


Vai al workshop

Il Libro Tattile Illustrato – Caratteristiche Tecniche E Produzione

I libri tattili sono prodotti editoriali tecnicamente complessi, a illustrazioni materiche e doppio carattere tipografico-braille. Prospettano un nuovo modo di intendere la grafica e l’illustrazione per l’infanzia, aprendo la strada a nuovi linguaggi e a nuove figure professionali, offendo nuove suggestioni didattiche, ludiche ed estetiche.


Vai al workshop

Fantástica Fiesta con LEGO©SERIOUS PLAY™

Trovare un’idea, un concetto per definire e sviluppare una produzione intorno alla celebrazione del 40° anniversario dello IED Roma attraverso LEGO© GIOCO SERIO™ . Definire l’idea e il concetto e poi visualizzarlo in forma di oggetto.


Vai al workshop

I AM, Io sono. Trova il tuo stile personale

Quali sono i passaggi quando si cerca una propria identità creativa? I dubbi sulle proprie sicurezze, l'abbandono del modello conosciuto e la sua trasgressione per arrivare in una terra incognita. In quel luogo si assiste alla nascita del proprio “sé” creativo. Lì si acquisiscono intuizioni nuove che spesso determinano la cultura del tempo. Questo corso ha un obiettivo: far scoprire la forza della tua identità creativa per evolvere il proprio stile personale e declinare se stessi su qualsiasi media.


Vai al workshop

Chi Getta Semi Al Vento Farà Fiorire Il Cielo

una performance di arte pubblica che dialoghi con gli spazi urbani circostanti. Una significazione poetica del presente grazie a un segno che si faccia pratica collettiva e solidale. Poesia di strada che crede che “ognuno merita il regime che sopporta” e che “il poeta sia chi legge” molto più che chi scrive.


Vai al workshop

Un App Suono-Spazio-Emozione

Ad oggi i player musicali identificano i brani rispetto al musicista o al genere. Uno sviluppo dell’ascolto user-oriented ci permette di aggiungere dei parametri ambientali ed emozionali al suono che scandisce le nostre attività quotidiane. L’obiettivo del workshop è la creazione di una App sensibile, che reagisca agli input esterni, guidando l’utente in un mondo fantastico in cui il sonoro viene sviluppato e recepito con le sue infinite possibilità.


Vai al workshop

Instruction for Use

INSTRUCTION FOR USE: realizzare un oggetto in autoproduzione con le istruzioni grafiche che spiegano come riprodurre lo stesso prodotto. Una pagina web dalla quale scaricare il nuovo progetto in open source.


Vai al workshop

Il Suono Intorno

Cosa potrebbe succedere prendendo oggetti di vario genere, dal piccolo elettrodomestico, al libro, dalla penna a sfera a una vecchia rivista passando per un abito fuori misura, tutti dismessi, abbandonati, dimenticati riconsiderandoli da un punto di vista sonoro? E se, processati dal progetto, potessero diventare veri e propri strumenti musicali? E se diventassero gli elementi di una piccola orchestra funzionante?


Vai al workshop

Che Cosa Sono Le Nuvole

Quando un oggetto diventa un rifiuto? Come si trasforma il valore di una cosa? Qual è il processo di consumo di un oggetto? Questa indagine va a guardare nel bordo sfumato che separa un oggetto dal suo stato attivo e utile (con un valore intrinseco) a stato di oggetto/immondizia. Per fare questo si utilizzerà una metodologia sinestetica di rappresentazione. Si andranno a campionare le situazioni del rifiuto seguendo le regole: i materiali devono essere video di 500px per 500px; i suoni devono essere in presa diretta; tutti i video devono essere condivisi in tempo reale con tutta la classe attraverso il social network VINE. Con queste poche ma stringenti regole si arriverà a comporre delle tavole di multivisione catalogando e scegliendo tutto il flusso di materiali prodotto dal social network. Queste tavole potranno essere fruite o implementate attraverso un sito creato ad hoc.


Vai al workshop

Show Motion

Realizzare un videoclip animato che racconti in maniera fresca e creativa le personalità artistiche, in tutte le loro molteplici personificazioni. Un piccolo show animato rappresentativo delle competenze dei ragazzi. Varie clip che montate insieme ne raccontino la forza espressiva celebrando così l'esperienza dello IED nel suo quarantesimo anniversario.


Vai al workshop

Digital Touch

Realizzare una nuova mappa della città di Roma, attraverso lo studio e la catalogazione dei luoghi all’interno del tessuto urbano, in cui i siti di interesse non sono i monumenti storici o le infrastrutture, ma i ricordi stessi legati a determinati scenari urbani. Raccogliere questi luoghi, geolocalizzati e condividerli su Google Maps al fine di costruire un ulteriore layer della città.


Vai al workshop